Sulla Gazzetta Ufficiale del 19 Marzo u.s. n. 68 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale 18 febbraio 2021, che sancisce nuove norme per l’importazione dei prodotti biologici dai Paesi terzi, in attuazione dei regg. (CE) n. 834/2007, n. 889/2008, e n. 1235/2008.

Con il nuovo provvedimento sono state definite le modalità con cui gli Organismi di controllo dovranno effettuare la valutazione del rischio degli operatori che importano prodotti bio dai Paesi terzi.

Ma quali sono le nuove norme per l’importazione dei prodotti biologici dall’estero? Facciamo un breve riassunto:

Primo destinatario, ovvero gli importatori biologici autorizzati

Le importazioni di prodotti biologici da Paesi terzi possono essere effettuate esclusivamente dagli operatori iscritti nella categoria «Importatori» dell’Elenco Nazionale degli Operatori Biologici.

Vengono definiti come “primo destinatario”, ovvero la persona fisica / giuridica che riceve per primo il carico di merce dal paese di provenienza. Il primo destinatario è l’unico autorizzato a ricevere in consegna i prodotti biologici importati.

Il sistema TRACES

Importatori, primi destinatari e organismi di controllo devono utilizzare il sistema informativo TRACES – Trade Control and Expert System per la gestione del Certificato di ispezione (COI). La richiesta di validazione dev’essere inviata via mail a notifica@politicheagricole.it.

Modi e tempi di trasmissione della comunicazione di arrivo merce

Gli importatori trasmettono una comunicazione preventiva di arrivo merce al Ministero e all’Agenzia delle Dogane, utilizzando il Sistema Informativo Biologico (SIB) entro 7 giorni dall’arrivo della merce. In caso di modifiche all’ordine, le informazioni vanno ritrasmesse entro 24 ore dalla data di arrivo prevista.

A questo punto si verificherà che le informazioni siano corrette, accertando la completezza della documentazione e verificando che ci sia corrispondenza tra le partite importate e la loro tracciabilità.

Gli organismi di controllo

Gli organismi di controllo valuteranno il rischio di inosservanza delle norme di produzione secondo i seguenti fattori:

  • Quantità dei prodotti importati
  • Risultati dei precedenti controlli
  • Rischio di scambio di prodotti
  • Qualsiasi altra informazione relativa al sospetto di non conformità del prodotto biologico importato.

Nel caso in cui si rilevino delle non conformità durante i controlli viene trasmessa al Ministero una segnalazione OFIS, informando l’ufficio doganale competente.

 

Importatori biologici: quali sono i criteri per la valutazione del rischio?

Fattori di rischio:
A
Provvedimenti di irregolarità e infrazioni emessi negli ultimi cinque anni.
B
Numero di importazioni effettuate nell’anno precedente: ≥ 5
C
Dimensione della singola partita importata nell’anno precedente: ≥ 1 t.
D

Importatore misto (cioè che non tratta esclusivamente prodotti biologici).

Esito della valutazione del rischio:

Importatore a basso rischio

Nessun fattore di rischio tra quelli riportati nella tabella precedente

Frequenza minima di controllo: 1 controllo annuale

Importatore a medio rischio

Un solo fattore di rischio diverso dal fattore di rischio A della tabella precedente

Frequenza minima di controllo: 2 controlli l’anno

Importatore ad alto rischio

Presenza fattore di rischio A della tabella precedente

Più di un fattore di rischio tra quelli riportati nella tabella precedente

Frequenza minima di controllo: 3 controlli l’anno

Valutazione del rischio  e campionamento obbligatorio delle partite importate

Alcune partite di prodotti biologici vengono analizzate per ricercare i residui di OGM e le sostanze non ammesse dalla produzione biologica.

È il caso di prodotti provenienti da Paesi appartenenti alle categorie indicate annualmente nelle linee guida della Commissione europea sui controlli addizionali per i prodotti biologici importati; oppure prodotti che presentano uno di questi 3 fattori di rischio:

A

Tipologia di prodotto

Frutta trasformata: succhi/puree

Oleaginose: girasole, semi di lino, soia

Cereali: frumento, quinoa, 
caffè

B

Paese di origine/ esportazione

Argentina, Brasile, Ecuador, Egitto, India, Perù, Serbia, Tunisia, Turchia

C

Origine della partita
Paese di esportazione della merce diverso dal Paese di origine

Per ogni importatore «attivo» è effettuato, almeno una volta all’anno, il campionamento e l’analisi per ricerca di residui di OGM e sostanze non ammesse nella produzione biologica.

Potrebbero interessarti anche:
Sesamo nuovo allergene USA

Sesamo nuovo allergene USA

Il sesamo diventa un nuovo allergene nella lista USA. Lo ha deciso il Congresso degli Stati Uniti in un nuovo disegno di legge emanato il 23 aprile 2021. Si chiama "Food Allergy Safety, Treatment, Education, and Research Act 2021", noto anche come FASTER Act del 2021....

Aggiornamento Regolamento CE n.852/2004

Aggiornamento Regolamento CE n.852/2004

È terminato il periodo per inviare l'Aggiornamento Reg. CE n.852/2004 alla Commissione Europea. Siamo ora in attesa che venga pubblicata la sua versione aggiornata.Aggiornamento Reg. CE 852/2004: Quali novità? Le modifiche del regolamento nascono per garantire maggior...

Audit non annunciati obbligatori per BRCGS e IFS

Audit non annunciati obbligatori per BRCGS e IFS

All'inizio di quest'anno, la Global Food Safety Initiative ha pubblicato la versione 2020 dei suoi requisiti di benchmarking. Le conseguenze sono significative: gli audit non annunciati diventeranno obbligatori per tutti gli schemi di certificazione GFSI. Questo...

HACCP: Revisione del Codex Alimentarius

HACCP: Revisione del Codex Alimentarius

La Commissione del Codex Alimentarius ha pubblicato la revisione della Linea Guida relativa ai “General Principles of Food Hygiene”, “CXC 1-1969 Adopted in 1969. Amended in 1999. Revised in 1997, 2003, 2020” che noi tutti conosciamo come HACCP. Tante le novità,...

MAGGIORI INFORMAZIONI:

Maggiori informazioni

4 + 5 =