Il Board of Stakeholders FSSC 22000 governa lo Schema di certificazione, e rappresenta gli interessi di tutti i soggetti coinvolti nella filiera alimentare.

Membri del Board of Stakeholders FSSC 22000

FSSC 22000 board of stakeholders

(fonte: Freepik)

Il Consiglio tiene almeno tre riunioni all’anno, e le modifiche significative al Piano decise dal Consiglio degli Stakeholders FSSC 22000 vengono pubblicate nell’elenco delle decisioni, sul sito della Fondazione. In questo modo, le revisioni del Programma possono essere comunicate a tutti gli organismi di certificazione e accreditamento autorizzati.

Membri votanti del BOS FSSC 22000:

  • Toon Brijs, Coca-Cola Company
  • Stefano Crea, Independent International Organization for Certification Limited
  • Bert Debets, Unilever
  • Sally Elsherif, Metro AG
  • Rebeca Fernandez, Confederation of the Food and Drink Industries of the EU
  • Benoit Fuhrmann, Danone
  • Skip Greenaway, The Independent Association of Accredited Registrars
  • Mark Overland, Safe Supply of Affordable Food Everywhere
  • Bizhan Pourkomailian, Serving Europe
  • Sied Sadek, IQnet
  • Eric Timmermans, Food Industry Asia

Elenco degli osservatori esterni:

  • Sara Walton, BSI Group
  • Betsy Booren, Consumer Brands Association

Ultime decisioni pubblicate il 23 giugno 2020

Le decisioni prese dal Board Of Stakeholders vengono inserite in un  documento che elenca le variazioni allo Schema FSSC 22000 Versione 5, affinchè fornisca i dovuti chiarimenti sulle regole aggiornate. In questo modo, queste regole potranno essere messe in pratica entro il periodo di transizione  che viene specificato.

Il requisito per completare il GFSI Knowledge Exam come parte dell’approvazione dell’auditor non è più obbligatorio a partire dal 1° Maggio 2020. Infatti è stato pubblicato un nuovo allegato con i requisiti per gli organismi di certificazione sull’uso delle ICT (Information and Communication Technology). Potete scaricarlo, insieme a molti altri, nella nostra area Documentazione.

L’utilizzo dell’approccio di audit ICT è volontario e dev’essere concordato tra l’organismo di certificazione e l’organizzazione certificata. Quando si utilizza l’approccio di audit ICT, i requisiti dell’allegato 9 sono obbligatori.

Potrebbero interessarti anche:
FSSC 22000 rilascia la versione 5.1

FSSC 22000 rilascia la versione 5.1

Dal 1 Aprile 2021 entrerà in vigore la nuova versione 5.1 dello standard FSSC 22000. Un cambiamento necessario, soprattutto in seguito all'aggiornamento da parte della Global Food Safety Initiative (GFSI) dei propri requisiti di benchmarking. Infatti ora gli standard...

Audit FSSC 22000 remoto: facciamo chiarezza

Audit FSSC 22000 remoto: facciamo chiarezza

Cerchiamo di rispondere ad una domanda che molti ci hanno fatto: nella nostra Newsletter N.29 abbiamo comunicato la notizia diffusa da FSSC sulla conduzione di audit FSSC 22000 in remoto. Il meccanismo è descritto nell’Annex 9, un documento dedicato all'uso delle ICT...

Vulnerabilità materie prime: potenziali rischi

Vulnerabilità materie prime: potenziali rischi

Quando parliamo di vulnerabilità delle materie prime intendiamo la possibilità che ci siano punti deboli nella catena produttiva. In questo modo il rischio di possibili frodi alimentari, o minacce intenzionali all'interno della catena di approvvigionamento aumenta...

MAGGIORI INFORMAZIONI:

Maggiori informazioni

7 + 7 =